Giovanni Paolo Sandri (Giampaolo o Giampy) nasce a Cuneo il 4 ottobre 1970. All'età di circa sei mesi, la diagnosi: Grave Tetraparesi Spastica.

 

Cammino da seduto :  

Ecco i miei passi

Autore: Giovanni Paolo Sandri

Edizioni Primalpe Cuneo

 

Lo scopo primario di questo libro, è sottolineare aspetti, muovere critiche verso il mondo dell’educazione e verso quello della cura della persona in generale; la mia biografia potrà essere utile per la formazione di educatori, medici, fisioterapisti che attraverso questa “storia di vita” potranno fare tesoro degli errori altrui e lavorare per evitare discriminazioni o leggerezze.

Le esperienze che racconto sottolineano da un lato l’umanità e il calore di persone che mi hanno aiutato a crescere e ad accettarmi come portatore di disabilità, ma anche come risorsa e amico; dall'altro la freddezza e la poca cura nella relazione da parte di altre figure che lavorano nel campo della disabilità e che quindi dovrebbero essere estremamente sensibili a queste tematiche.

Non solo nel campo educativo è utile il metodo narrativo-biografico, ma anche nel campo della formazione, campo dove vuole inserirsi questo mio scritto.

 

Queste pagine spero vengano lette da persone disabili per capire che il vissuto di ognuno, se è condiviso, non è più semplice, ma assume un valore, un senso.

Spero siano d’aiuto ai genitori che leggendo riescano a trovare  una piccola chiave d’aiuto.

Spero siano lette da molte persone “normali” che hanno voglia di allargare il loro spazio di conoscenza, perché quando si conosce la paura viene meno.

Questo libro vuole essere il punto di forza di un percorso che vorrei portare avanti con tenacia e volontà. In qualche modo è gia partito, ma essendo un progetto cammina piano come me e lentamente avanza: credo che il potermi raccontare, il portare la mia vita un po’ in giro può essere buono, sia come valido strumento di integrazione alla formazione professionale di esperti, quali medici, fisioterapisti, infermieri, operatori socio sanitari, assistenti sociali, educatori professionali, insegnanti,  sia come aiuto per i giovani delle scuole superiori dove un esperienza “forte” può essere per loro uno stimolo, sia per gli studenti universitari che studiano materie sociali, sia come punto di partenza di giovani che fanno un cammino di fede nella propria parrocchia.

Tutto il ricavo della vendita del libro, tolte le spese, lo impegnerò in questo progetto in cui credo molto ma che, non potendolo realizzare da solo a causa della mia zoppicante autonomia fisica, occupa anche tempo e risorse di altre persone. Per il loro impegno nell’aiutarmi e sostenermi, giustamente vanno ricompensate, quindi se vi sono piaciuto un minimo, regalatemi a molti sapendo che così facendo contribuite ad un importante percorso di crescita e di formazione per me e per le persone che riuscirò a raggiungere.